La Voce della Patria

Questo sito ha per obiettivo l'essere un luogo di scambio, un appuntamento regolare, amichevole, diretto. Tutto qui può essere detto, argomentato, commentato. La sola condizione posta è il rispetto delle regole elementari di civiltà: le tesi ingiuriose o oltraggiose saranno prescritte. Un moderatore vigila. Benvenuti.

Il colore azzurro, da tempo è il colore che identifica l'Italia, è – se possiamo dirlo – il colore nazionale italiano.

Non tanto perché era il colore scelto dalla dinastia dei Savoia per rappresentare il proprio potere, quanto perché è un simbolo Mariano (il mantello della Vergine è azzurro in quasi tutte le rappresentazioni, ad esempio), e poiché l'Italia è sempre stata identificata con una donna (quella con la corona turrita in testa), nel corso dei secoli è avvenuta questa trasposizione ed identificazione.

Anche se l'azzurro era il colore dei Savoia, è stato mantenuto anche in epoca repubblicana, tanto che perfino lo stendardo presidenziale è bordata di azzurro (non a caso è il colore che rappresenta il comando).

Il colore nazionale italiano è stato adottato fin da subito alla nascita dell'unità d'Italia, nel 1861, pertanto azzurre sono le sciarpe degli ufficiali delle Forze Armate, delle nostre decorazioni militari al valore e delle nostre squadre sportive nazionali.

L'origine del colore sembra risalga al 1300, allorché Amedeo VI di Savoia prima di partire per una crociata, volle che sulla nave ammiraglia sventolare un vessillo azzurro. Questo, almeno è l'atto ufficiale della nascita anche se non si sa se esso facesse parte di tradizioni precedenti.

In ogni caso da allora è diventato il colore araldico della nostra vecchia dinastia regnante.