La Voce della Patria

Questo sito ha per obiettivo l'essere un luogo di scambio, un appuntamento regolare, amichevole, diretto. Tutto qui può essere detto, argomentato, commentato. La sola condizione posta è il rispetto delle regole elementari di civiltà: le tesi ingiuriose o oltraggiose saranno prescritte. Un moderatore vigila. Benvenuti.

Per tutti gli osservatori che hanno pronosticato essere l'Africa il continente del futuro, quello del XXI secolo, le notizie di questi giorni portano ad un triste risveglio.

C'è una cosa che occorre invidiare alla Francia: l'altissimo senso dello Stato dei suoi funzionari e dei suoi leader politici. Forse la cosa è da ricercarsi nella provenienza di entrambi questi attori necessari alla vita politica della Nazione: sono quasi tutti sortiti da una scuola pubblica, la famigerata ENA, scuola nazionale d'amministrazione.

Le nazionalizzazioni sono un intervento con cui lo Stato, attraverso una legge, acquisisce la proprietà o almeno il controllo di determinate industrie private o di settori economici in cui l'interesse pubblico è predominante.

È ovvio che i Paesi europei non hanno più i mezzi economici, sociali e politici per accogliere tutti i miserabili del mondo. L'immigrazione di massa pone un problema di identità e cultura. L'uomo non è solo un homo economicus disincarnato, senza storia o radici; è soprattutto un essere di cultura. La cultura europea - eredità dell'antichità, giudeo-cristianesimo e dell'illuminismo - rischia di essere sopraffatta da popolazioni il cui stile di vita è incompatibile con lo stile di vita europeo e la cui massiccia presenza sul nostro suolo non può che creare tensioni.

La domanda sembra oziosa quando le due forze politiche che formano la maggioranza di Governo raccolgono circa il 60% delle intenzioni di voto degli elettori. Ma non c'è dubbio che se chiedessimo agli italiani cosa pensino dei loro politici la percentuale suddetta sarebbe, quantomeno, rovesciata.