La Voce della Patria

Questo sito ha per obiettivo l'essere un luogo di scambio, un appuntamento regolare, amichevole, diretto. Tutto qui può essere detto, argomentato, commentato. La sola condizione posta è il rispetto delle regole elementari di civiltà: le tesi ingiuriose o oltraggiose saranno prescritte. Un moderatore vigila. Benvenuti.

Le moderne società liberali in Europa ed in Nord America tendono ad avere identità deboli. Il fatto è che l'identità nazionale continua ad esistere in tutte le democrazie liberali, anche se con caratteri diversi.

Sono 630 deputati e 315 senatori (più gli ex Presidenti della Repubblica ed i senatori a vita), per un totale di quasi mille eletti in Parlamento: sono proprio tutti necessari alla nostra democrazia? Essi costano ai contribuenti italiani circa un miliardo e mezzo all'anno (dati riferiti al 2015). Una cura dimagrante potrebbe alleggerire anche le spese? Forse sì, perché all'80 % circa sono riferite ad uscite quali indennità, stipendi, vitalizi e pensioni per i parlamentari e per i dipendenti di entrambe le Camere.

Non vedono nulla. Gli immigrazionisti, intossicati dal loro "umanitarismo", non vedono nulla di ciò che dovrebbe metterli in guardia. Il nuovo antisemitismo, per esempio, importato dalla cultura musulmana: questo odio sfigura, ancora una volta, la Germania dal momento che ha ricevuto più di un milione di immigrati nel 2015.

Patriota, scrittore e statista nacque a Torino nel 1798 e vi morì il 15 gennaio del 1866, esattamente 152 anni fa. Dopo essersi dedicato alla pittura e, con buon successo, alla letteratura, intorno al 1843-44 si avvicinò alla politica, che lo vide partecipare alla prima guerra d'indipendenza e poi essere primo ministro del Regno di Sardegna, nella cui veste promosse radicali riforme nei rapporti fra Stato e Chiesa. Dimessosi nel 1852, mantenne posizioni antiaustriache e collaborò con Cavour in momenti delicati.

Vittorio Emanuele II
Vittorio Emanuele II

Fu il primo Re d'Italia, sotto di lui e su suo impulso avvenne il Risorgimento e si portò a compimento il processo di unificazione e di indipendenza italiana, assieme a Mazzini, Garibaldi e a Cavour è considerato uno dei Padri della Patria.