La Voce della Patria

Questo sito ha per obiettivo l'essere un luogo di scambio, un appuntamento regolare, amichevole, diretto. Tutto qui può essere detto, argomentato, commentato. La sola condizione posta è il rispetto delle regole elementari di civiltà: le tesi ingiuriose o oltraggiose saranno prescritte. Un moderatore vigila. Benvenuti.

L'Unione europea sta firmando accordi di libero scambio che rovinano intere aree della nostra agricoltura. Ne citiamo alcuni solo per dimostrare la devastazione che causano.

Scrive il Corriere della Sera di ieri, in un articolo firmato da Federico Fubini: In un’intervista ad un giornale tedesco Angela Merkel《propone qualcosa che coincide con gli interessi tedeschi – almeno nella percezione di Berlino – ma contrasta direttamente con quelli dell'Italia. “Il meccanismo di stabilità Esm deve diventare un Fondo Monetario europeo”. Le sue funzioni sono però allargate: non solo grossi prestiti di emergenza a scadenza trentennale, anche prestiti limitati a cinque anni e vigilanza diretta sulle economie dei diversi Paesi (una funzione che oggi spetta alla Commissione Ue). Con in più l'autorità di imporre una ristrutturazione del debito pubblico di un Paese se lo si ritiene giusto: in sostanza il nuovo Fme potrebbe decidere il default “ordinato” di uno Stato prima di prestargli le risorse necessarie ad andare avanti.

Lo stendardo presidenziale è il vessillo che indica la presenza del Presidente della Repubblica. Nella sua ultima foggia è stato adottato nel 2000 dall'allora Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi.

L’Italia soffre di molteplici fratture, sociali, generazionali, territoriali, comunitarie…, che sembrano estendersi fino a minacciare la coesione nazionale.

Che dire di questa grave rottura post ‘68 in cui un’intera generazione, a partire dagli insegnanti, ha volontariamente scelto di non trasmettere dei valori, un retaggio plurisecolare, delle radici millenarie e un’idea assai alta dell’Italia?!

La coalizione tra la Lega e il M5S che sale al potere in questi giorni illustra l'emergere di una nuova frattura politica, in un'Europa frammentata dove i partiti tradizionali sembrano incapaci di arginare l'insorgere delle crisi. L'opposizione destra / sinistra non è scomparsa né in Italia né in altre parti del continente. I partiti che affermano di esserne rappresentanti esistono ancora e una parte dell'elettorato è ancora riconoscibile secondo questa topografia politica.