La Voce della Patria

Questo sito ha per obiettivo l'essere un luogo di scambio, un appuntamento regolare, amichevole, diretto. Tutto qui può essere detto, argomentato, commentato. La sola condizione posta è il rispetto delle regole elementari di civiltà: le tesi ingiuriose o oltraggiose saranno prescritte. Un moderatore vigila. Benvenuti.

Lo stendardo presidenziale è il vessillo che indica la presenza del Presidente della Repubblica. Nella sua ultima foggia è stato adottato nel 2000 dall'allora Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi.

L’Italia soffre di molteplici fratture, sociali, generazionali, territoriali, comunitarie…, che sembrano estendersi fino a minacciare la coesione nazionale.

Che dire di questa grave rottura post ‘68 in cui un’intera generazione, a partire dagli insegnanti, ha volontariamente scelto di non trasmettere dei valori, un retaggio plurisecolare, delle radici millenarie e un’idea assai alta dell’Italia?!

La coalizione tra la Lega e il M5S che sale al potere in questi giorni illustra l'emergere di una nuova frattura politica, in un'Europa frammentata dove i partiti tradizionali sembrano incapaci di arginare l'insorgere delle crisi. L'opposizione destra / sinistra non è scomparsa né in Italia né in altre parti del continente. I partiti che affermano di esserne rappresentanti esistono ancora e una parte dell'elettorato è ancora riconoscibile secondo questa topografia politica.

…i risultati del referendum istituzionale del 2 e 3 giugno del 1946 furono proclamati il 10 giugno: l'11 il popolo in diverse manifestazioni festeggiò il primo giorno della Repubblica. Non c'è dubbio che quei due giorni hanno rappresentato per noi italiani un appuntamento con la Storia: la Repubblica democratica sognata da tanti “Padri della Patria”, in primis Giuseppe Mazzini, divenne finalmente realtà in seguito ad una consultazione anch'essa democratica in cui, per la prima volta nella storia d'Italia, presero parte anche le donne.

Bandiera europea
Bandiera europea

Abbiamo sottolineato che l'UE non è un'entità politica. Non è uno stato, non è una federazione. È un vasto mercato unico e un ampio insieme di regole. Ma il mercato unico è perfettamente disfunzionale. Produce die vincitori - più o meno i paesi dell'Europa centrale - e dei perdenti, come l'Italia. Essa, tuttavia, ha un'industria potente soprattutto nel Nord, ma non ha conosciuto un punto di crescita da quando è entrata nell'euro. Il mercato unico è quindi un fallimento sotto tutti i punti di vista: non converge ma piuttosto diverge le diverse economie. Provoca la rovina di alcuni Paesi.